La redazione

Barbara Carrozzini, direttore responsabile

Laureata in Sociologia della comunicazione, giornalista free-lance, da sempre mi occupo di cultura e spettacoli, collaborando con quotidiani e periodici, in particolare con Il Resto del Carlino e Il Corriere di Bologna, città dove vivo da oltre dieci anni. L’incontro con Marina e Donatella, proprio mentre prendeva forma l’idea della rivista, mi ha spinta a prendere parte a questa avventura, convinta che l’informazione debba essere anche (e soprattutto!) servizio pubblico; credo che raccontare in modo ironico la quotidianità dei fibromialgici, le difficoltà e le novità in campo medico possa essere un valido aiuto per chi convive con questa patologia. Mi piace osservare il mondo dal sellino della mia bici, ho un’insana passione per i libri e la letteratura, devo sempre avere delle pagine in cui rifugiarmi appena possibile; mi interesso di cucina naturale, amo il cinema, detesto l’ipocrisia e il conformismo. Ho un debole per Homer Simpson.

 

 

Marina Pirazzi, direttore editoriale

Sociologa, laureata in Scienze politiche a Bologna e specializzata nell’insegnamento al personale sanitario all’Università di Liverpool (proprio quella dei Beatles). Ho trascorso la prima parte della vita vivendo e lavorando in diversi Paesi, principalmente del continente africano e in Medio Oriente (potete immaginare che lingua parlo quando mi prende la disfasia della fitta nebbia fibromialgica?). Nella mia seconda vita abito a Bologna e sono libera professionista.

Vivo con una fibromialgia secondaria da qualche anno, prima (credo, col senno di poi) della diagnosi dell’altra malattia di cui soffro, una malattia autoimmune rara.

Mi piace impegnarmi per una società coesa, che non lasci nessuno ai margini. Mi piace camminare, andare in bicicletta, le mostre d’arte, il teatro, le cene con gli amici, il fidanzato, il Pilates. A 60 anni, comincia a starmi stretto il tempo!

 

 

 

Eleonora Francescucci, responsabile della comunicazione

Impiegata in una multinazionale privata nel cuore di Trastevere, con la passione per le arti grafiche e la scrittura. Vivo in provincia di Roma, e fra le mie tante esperienze ho avuto modo di collaborare con due associazioni per disabili e ora mi trovo catapultata in questa nuova avventura. So di essere fibromialgica da almeno 10 anni, ma ciò non mi ha precluso una vita normale.  Seguo una dieta alimentare corretta, anche grazie alla collaborazione delle mie care intolleranze (glutine, lattosio e nichel) che mi permettono di mangiare poco. Grazie al Pilates e alla mia istruttrice sono riuscita a sopportare meglio il dolore, anche se i cambiamenti climatici non sono proprio un toccasana per me.  Ho accettato questa sfida, perché ritengo che la fibro sia una malattia che forse non uccide fisicamente ma uccide moralmente e, se con la nostra associazione e con il supporto della nostra rivista, riesco ad aiutare e far vivere bene almeno un malato, per me è già un traguardo raggiunto. Nel mio caso, è proprio vero che la vita inizia a 40 anni!

 

 

Paolantonio Ester, presidente

Laureata in Economia del turismo e catapultata nel mondo della finanza per pura casualità. Da otto anni svolgo il lavoro di Consulente finanziario nell’area metropolitana di Bologna e corro in su e in giù per l’Italia per conferenze e aggiornamenti. Questo lavoro mi piace molto e lo svolgo con grandissima passione, tanto che da un anno a questa parte tengo “salotti finanziari” per diffondere cultura finanziaria (in Italia ce n’è tanto bisogno!). Da adolescente praticavo atletica, ero un fenomeno della corsa, poi ebbi un incidente e ora “alleno” Francesco, il mio compagno.Condivido con lui un’altra passione che è la cucina. Sono un’ottima cuoca e mi piace fare abbinamenti piatto/vino. Ci piace andare a ricercare posti e luoghi dove si mangi bene e per questo facciamo un sacco di chilometri. La mia gioia attuale è Antonia, mia figlia, classe 2015, tutto pepe. Uguale a sua madre! (così dicono)