ALIMENTAZIONE ED INTEGRATORI

Gli italiani sono i primi in Europa per uso di integratori: il business di questi prodotti vale 3 miliardi di euro e non stupisce che in commercio ve ne siano oltre 70 mila. Un italiano su tre usa un integratore, circa il 34% dichiara di assumerli abitualmente e il 62% da oltre due anni.

L’integrazione alimentare può diventare importante per contrastare l’invecchiamento e il rischio di sviluppare patologie croniche. Tuttavia, le evidenze scientifiche a favore dell’uso degli integratori sono limitate a poche patologie, stati di carenza nutrizionale o aumentato fabbisogno fisiologico. L’uso ingiustificato e incontrollato di queste sostanze può avere dei rischi, perciò prima di assumerli è sempre necessario chiedere almeno un parere al proprio medico. Gli integratori, in ogni caso, non possono mai sostituire gli alimenti, in particolare la frutta e la verdura che dovremmo mangiare almeno 5 volte al giorno.

Infine, l’integratore non può essere l’alibi per evitare di adottare una dieta variata ed equilibrata o per esimersi dall’attività fisica.

Per saperne di più, leggi l’articolo completo all’interno di Fibromialgia – La Rivista Italiana. Per ricevere la rivista, diventa socio o donatore: www.fibromialgiamagazine.it

fibromialgiamagazine

I commenti sono disabilitati.